fb

Gli Stili del Bonsai

22/10/2020 - Gli stili estetici più conosciuti dei Bonsai. Ispirandosi alla forma degli alberi in natura, i bonsaisti modellano le forme delle loro creature, raggiungendo forme spettacolari. Vediamo quali sono gli stili estetici di classificazione dei Bonsai!

Gli Stili del Bonsai

Gli stili estetici più conosciuti dei Bonsai. Ispirandosi alla forma degli alberi in natura, i bonsaisti modellano le forme delle loro creature, raggiungendo forme spettacolari. Vediamo quali sono gli stili estetici di classificazione dei Bonsai!

Un Bonsai non deve avere per forza un suo stile, ne il bonsaista deve attenersi rigidamente a delle regole stilistiche per crescere la sua creatura. Nel corso degli anni, tuttavia, si sono delineati alcuni stili di classificazione dei Bonsai che si ispirano alle forme degli alberi in natura.

Il processo che fa prendere la forma desiderata al Bonsai è la filatura, ovvero un metodo che consiste nel legare con un filo di ferro e piegare il ramo dell’albero quando la pianta è ancora giovane e i suoi tessuti sono molto elastici. Tramite questo passaggio, che richiede tempo e tecnica, si può modificare la forma estetica del Bonsai e deviare i rami dove più si vuole.

Vediamo ora quali sono questi stili:

 

Stile a Scopa Rovesciata - Hokidachi

Il tronco della pianta sale dritto in verticale fino a diramarsi in tre o più rami di uguale spessore. Solitamente la diramazione inizia a circa ⅓ della pianta e forma una sorta di palla di rami e foglie che richiama la forma di una scopa giapponese ribaltata, da qui la denominazione dello stile. 

Stile Eretto Formale - Chokkan

Richiama la forma dell’albero molto esposto al sole e lontano da altri alberi in modo da permettersi di crescere eretto e diritto. Conifere come il Tasso, il Cipresso e la Cryptomeria sono buone candidate per un successo in questo stile. Il fattore più importante per la buona riuscita di un Bonsai eretto formale è la conicità del tronco, dovrà essere più largo verso le radici e dovrà assottigliarsi sempre più man mano che si raggiunge l’apice della pianta. La cima del Bonsai dovrebbe essere formata da un ramo unico e la ramificazione dovrebbe iniziare a circa ¼ della pianta.

Stile Eretto Informale - Moyogi

Molto diffuso in natura e tra i Bonsai. Il tronco cresce contorcendosi, curvandosi, ma sempre in maniera eretta. Dopo ogni curva crescono i rami che crescono orizzontalmente e preferibilmente verso l’alto. Solitamente infatti si tende a potare il ramo che cresce puntando verso le radici. 

Stile Inclinato - Shakan

In natura l’albero cresce inclinato verso un lato quando si sforza per raggiungere la luce del sole o a causa del vento che gli soffia addosso da una sola direzione. Nell’arte del bonsaismo, il Bonsai in stile inclinato cresce con un’inclinazione di circa 60/80 gradi rispetto all’asse perpendicolare al suolo, le sue radici saranno ben sviluppate per permettere alla pianta di stare “in piedi”. Solitamente il primo ramo cresce in direzione opposta dell’inclinazione della pianta per creare l’equilibrio necessario per un buon bilanciamento del tronco.

Stile a Cascata - Kengai

Il fatto insolito di questo stile è che la punta del tronco non è la parte più alta del Bonsai. In natura la forma che viene replicata dal Bonsai a cascata si ritrova nelle piante che crescono da un dirupo o da una scogliera e che per qualche motivo, come il peso della neve o la caduta di massi di pietra, sono costretti a piegarsi e a crescere verso il basso. E’ uno stile abbastanza difficile da replicare con un Bonsai in quanto è in contrasto con la natura di una pianta di crescere verso l’alto. Solitamente i Bonsai a cascata si trovano in vasi alti.

 

Stile a Semi-Cascata - Han-kengai

E’ uno stile che richiama, come il precedente, le piante che crescono sulle sponde di fiumi o laghi. Il tronco del Bonsai a semi-cascata cresce dritto per un breve tratto, per poi sporgersi al di fuori del vaso e piegarsi verso il basso. La differenza sostanziale con lo stile precedente è che l’apice del tronco non cresce mai al di sotto del fondo del vaso. Il punto più alto in questo caso si trova solitamente in concomitanza con il bordo del vaso, che solitamente è un vaso alto.

 

 

Stile Literati - Bunjingi

In natura, nelle aree di alta densità di vegetazione, le piante sopravvivono crescendo più alte delle altre e riuscendo ad essere più esposte alla luce del sole. Lo stile Literati riprende la drammaticità di questo concetto, a volte per amplificarla si scortecciano alcuni rami, dando l’idea che l’albero abbia realmente lottato per la sopravvivenza. I Bonsai in stile Literati sono spesso collocati in piccoli vasi rotondi.

Stile Battuto dal Vento - Fukinagashi

Simile all’Inclinato e concettualmente affine al Literati, è uno stile che richiama la lotta alla sopravvivenza. Il tronco è inclinato a causa del soffiare del vento e i rami, che crescono su tutti i lati del tronco, vertono tutti verso la direzione dell’inclinazione.

Stile a Doppio Tronco - Sokan

Frequente in natura ma non molto nel bonsaismo, questo stile richiede che dal tronco principale cresca un secondo tronco più piccolo o che addirittura dal suolo nasca un secondo tronco. Uno dei due sarà più spesso e crescerà dritto, l’altro più minuto crescerà inclinato.

Stile a Ceppaia - Kabudachi

Questo stile è uguale a quello a doppio tronco, solo con tre o più tronchi. Ogni tronco cresce dalla stessa base e possiedono un unico sistema radicale. Ogni tronco sviluppa un proprio palco fogliare, il più grosso, spesso e alto forma l’apice della pianta.

Stile a Bosco - Yose-ue

E’ uno stile che assomiglia al precedente se non fosse che in questo caso il Bonsai è composto da più alberi e non da uno unico con più tronchi. Al centro del vaso, basso e largo, vengono piantati gli alberi più importanti e grandi, ai lati quelli più minuti.

Stile Bonsai su Roccia - Seki-joju

In terreni rocciosi le radici degli alberi vanno alla ricerca di terra fertile e ricca di nutrimento, è la stessa situazione che mira a ricreare questo stile. Le radici crescono attorno alla roccia posta in mezzo al vaso per cercare il terreno, sono quindi esposte all’ambiente esterno. Questo fatto fa sì che cresca su di loro una speciale corteccia che le protegge dal sole e da altri fattori atmosferici.

Ishisuku Bonsai - Ishisuki

Mentre nel Bonsai su Roccia le radici crescono sulla roccia, in questo stile le radici si incastrano tra le crepe e le buche della roccia posta al centro del vaso, solitamente quasi piatto. Le piante che crescono in questo modo sono spesso malconce e poco in salute in quanto è complesso che le loro radici si sviluppino e assorbano i nutrimenti necessari per una buona salute.